Skip to main content
NewsRassegna stampa

Tutto diverso: come una giovane coppia ha scoperto da sola la viticoltura

By 26 Aprile 2021No Comments
ARTICOLO TRATTO DA SUEDDEUTSCHE ZEITUNG LEGGI TUTTO

Costanza Cieri e Nicola Cantoli lo fanno diversamente. Non che all’inizio non lo facessero come molti altri. Siete nati entrambi in provincia di Chieti in Abruzzo, poi avete studiato nel nord Italia e avete iniziato una classica carriera nel marketing e nella finanza. Ma lo splendore presto svanì. “Ho notato che questa non è la mia vita”, dice il ventiseienne Nicola, “volevo creare qualcosa”. Costanza si chiedeva per chi fosse seduta in ufficio tutte le sere. Così i due hanno deciso di tornare in patria vicino ad Ortona sulla costa adriatica e fare quello che le loro famiglie fanno da tempo: il vino. Hanno fondato la loro etichetta di vino, che si chiama come commerciavano, al contrario, cioè “Inverso Vini”. La decisione inizialmente non ha suscitato grande entusiasmo tra le famiglie. “Hanno chiesto perché, hai tutto al nord”, dice Costanza. Lo scetticismo deriva anche, dice, dal fatto che i genitori conoscono i rischi della viticoltura, la dipendenza dalle intemperie o dalle vendite. Le famiglie possiedono un totale di 60 ettari di vigneto con undici varietà diverse, più 40 ettari di terreno agricolo aggiuntivo. Le dolci colline si trovano tra la costa adriatica e le montagne del Parco Nazionale della Majella. Questa posizione tra lago e montagna si riflette nei vini, l’acidità delle montagne, così come la mineralità dei venti salmastri dal lato del mare danno ai vini qui prodotti la loro nota. “Inverso Vini” vuole coltivare questa peculiarità.

La prima serie di vini con 5500 bottiglie da coltivazione ecologica propone la classica triade con vitigni bianchi, rosati, rossi, realizzati con varietà anche tonali. Il bianco è un pecorino – l’uva è così chiamata perché la sua forma ricorda la testa di una pecora – arrotondata con il quattro per cento di Chardonnay. Il padre di Costanza è rimasto ancora una volta sorpreso, come dice la figlia: è un Pecorino molto speciale, così il commento. Il rosato, ottenuto dal Montepulciano d’Abruzzo, ha una tonalità rosa che fa sembrare i rosati disponibili in commercio pallidi, e il classico, scuro Montepulciano d’Abruzzo è composto da due annate. “Vogliamo vini con una personalità”, sottolineano entrambi. Vogliono anche fare tutto in modo diverso riguardo al vino. La coltivazione ecologica è chiara, le bottiglie sono più leggere delle solite per ridurre le emissioni di CO2 durante il trasporto. I mietitori dovrebbero venire dalla regione. Il sito web è costantemente sottoposto a un trattamento di bellezza ei giovani imprenditori rimangono in contatto con le parti interessate tramite i social media. Si imbottigliano anche, cosa che le loro famiglie non hanno mai fatto prima. Ad un certo punto, riflette Nicola, vuole conquistare altri viticoltori della regione come fornitori, in modo che i costi si riducano per loro e dovrebbero sopportare solo i rischi del vigneto. “Penso sempre ai numeri, non è normale in questo settore”. Non c’è quindi da meravigliarsi se a febbraio 2020 hai vinto il premio “Startimpresa” per la tua start-up. Non potevano festeggiare in grande, la crisi Corona lo ha fermato, ma non le idee. L’anno prossimo, la produzione sarà moltiplicata, verrà lanciato un prodotto frizzante. Il primo esiste già, prende il nome dal nonno “Salvatore”.

Leave a Reply